Commodity channel index (CCI)

Commodity channel index (CCI)
Rate this post

Noi di nuovibonus.com ci teniamo molto a spiegare a tutti i nostri lettori, le infinite possibilità degli indicatori tecnici, funzioni che essenzialmente servono per prevedere i mercati e prendere decisioni di trading consapevoli e profittevoli. Oggi vi vogliamo parlare di un indicatore tecnico, per l’esattezza un oscillatore. Uno dei migliori in assoluto nel panorama dell’analisi tecnica.

Che cos’è il Commodity Channel Index

 

Il Commodity Channel Index (CCI) è un oscillatore originariamente introdotto da Donald Lambert nel 1980. Fin dalla sua introduzione, l’indicatore è cresciuto in termini di popolarità ed è ora uno strumento molto comune per gli operatori, per identificare andamenti ciclici non solo nei mercati delle materie prime, ma anche nei mercati delle azioni e delle valute. Il CCI può essere regolato per il periodo di tempo del mercato scelto, anche modificando il periodo di media.

Il CCI misura la variazione di un titolo dalla media statistica. Il CCI è calcolato come differenza tra il prezzo tipico di un prodotto e la sua media mobile semplice, divisa per la deviazione media assoluta del prezzo tipico. L’indice è di solito scalato da un fattore inverso di 0,015, per fornire dei valori più leggibili.

Per garantire più scalabilità, il suo inventore Lambert, ha impostato la costante a 0.015 per assicurare che circa il 70-80 per cento dei valori CCI fossero tra -100 e +100. Il CCI oscilla sopra e sotto lo zero. La percentuale di valori del CCI che rientrano tra +100 e -100 dipenderà dal numero di periodi utilizzati. Un CCI “breve”, sarà più volatile e con una minore percentuale di valori compresi tra +100 e -100. Viceversa, più periodi utilizzati per calcolare il CCI, maggiore è la percentuale di valori compresi tra +100 e -100.

Uso del CCI

Come si fa uso del CCI? I commercianti e gli investitori utilizzano il Commodity Channel Index per identificare al meglio le inversioni dei prezzi, gli estremi di prezzo e la forza del trend. Come con la maggior parte degli indicatori, il CCI deve essere utilizzato in combinazione con altri indicatori o pattern di analisi tecnica. Il CCI si inserisce nella categoria degli oscillatori, un sottogruppo degli indicatori tecnici. Oltre alla quantità di moto, gli indicatori di volume e il grafico dei prezzi, possono anche influenzare una valutazione tecnica. Vengono spesso utilizzati per rilevare le divergenze di andamento dei prezzi come gli indicatori di ipercomprato / ipervenduto, e per disegnare pattern e fare trading proprio in base ad essi. Sotto questo punto di vista, il CCI è simile alle bande di Bollinger, ma si presenta come un indicatore piuttosto che una serie di livelli di ipercomprato/ipervenduto.

Il CCI oscilla generalmente al di sopra e al di sotto della linea dello zero. Le oscillazioni normali si verificano all’interno della gamma di +100 e -100. Le letture sopra +100 implicano una condizione di ipercomprato, mentre le letture sotto -100 implicano una condizione di ipervenduto. Come per gli altri indicatori di ipercomprato / ipervenduto, questo significa che c’è una grande probabilità che il prezzo sarà corretto per dei livelli più rappresentativi.

La CCI negli anni ha visto una sostanziale crescita in termini di popolarità tra gli investitori tecnici; i commercianti di oggi spesso usano l’indicatore per determinare le tendenze cicliche non solo con le materie prime, ma anche con le azioni e le valute.

Il CCI, se usato in combinazione con altri oscillatori, può essere uno strumento prezioso per identificare potenziali massimi e minimi nel prezzo del mercato, e quindi può facilmente fornire agli investitori una prova ragionevole delle variazioni di direzione del movimento del prezzo del mercato in questione.

Le linee guida scritte da Lambert per il trading con il CCI, si concentrano sui movimenti al di sopra e al di sotto dei livelli chiave di +100 e -100, in modo da generare dunque dei segnali di acquisto e dei segnali di vendita. Poiché circa il 70-80 per cento dei valori del CCI sono dei valori compresi tra +100 e -100, un segnale di acquisto o di vendita sarà disponibile solo per il 20 al 30 per cento del tempo. Quando il CCI si muove dunque al di sopra del livello di +100, il mercato viene considerato in un forte trend rialzista e viene poi fornito un segnale di acquisto.

La posizione deve poi essere chiusa quando il CCI si muove di nuovo al di sotto di +100. Quando il CCI si muove sotto i -100, il mercato in questione viene considerato in una forte tendenza al ribasso e viene fornito dunque un segnale di vendita. La posizione deve essere chiusa quando il CCI torna di nuovo al di sopra del livello di -100.

Indicatore CCI Linee Guida

Oltre alle linee guida di Lambert, negli anni i trader sono riusciti a scoprire che il CCI è una risorsa molto utile per identificare le inversioni. Il CCI è una risorsa molto utile per i trader, che possono affidarsi al CCI per produrre una serie molto vasta di segnali di acquisto e di vendita.

– Il CCI può essere utilizzato per identificare i livelli di ipercomprato e di ipervenduto. Un mercato viene dunque considerato ipervenduto quando il CCI passa sotto i -100, e ipercomprato quando va sopra i +100. Dai livelli di ipervenduto, un segnale di acquisto potrebbe arrivare quando il CCI torna sopra i -100. Dai livelli di ipercomprato, un segnale di vendita potrebbe essere valido quando il CCI torna sotto quota +100. – Come con la gran parte degli oscillatori, le divergenze possono essere applicate anche per aumentare l’affidabilità dei segnali. Una divergenza positiva sotto i -100 aumenterebbe l’affidabilità di un segnale durante un ritorno sopra i -100. Una divergenza negativa sopra i +100 aumenterebbe la robustezza di un segnale durante un ritorno al di sotto dei +100.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *