Bande di Bollinger Indicatore Tecnico di Borsa e Forex

Bande di Bollinger Indicatore Tecnico di Borsa e Forex
5 (100%) 2 votes

In questo articolo ci occuperemo di un indicatore tecnico di fondamentale importanza, che occupa un gradino di rilievo nel podio degli indicatori tecnici più importanti. Le Bande di Bollinger, sono un indicatore molto importante per chi desideri fare trading con l’Analisi Tecnica. In questa nostra scheda, ci occuperemo di uno degli indicatori tecnici più utilizzati dai trader forex, ma anche di altre numerose tipologie di mercati.

Come avete già avuto modo di capire, stiamo ovviamente parlando delle Bande di Bollinger. Prima di iniziare a parlare nel dettaglio delle Bande di Bollinger, vorremmo introdurre l’inventore delle Bande di Bollinger: John Bollinger.

Le bande di Bollinger sono uno strumento inventato da John Bollinger nel 1980, che poi sono diventate un vero e proprio marchio registrato, nel 2011. Le BDB sono evolute dal concetto originario di bande di trading, in quanto le bande di Bollinger e i relativi indicatori %B e la larghezza della banda possono essere utilizzati per misurare l’”altezza” o meno del prezzo, relativo alle negoziazioni precedenti. Le Bande di Bollinger sono un indicatore di volatilità simile al “Keltner channel”.

Che cosa sono le Bande di Bollinger?

Le Bande di Bollinger sono un indicatore tecnico, che si basa sulla volatilità di un titolo. Si basano sulla deviazione standard. In economia, per volatilità si intende la variazione di tipo percentuale dei prezzi di mercato. È quindi ovvio che ciò aiuta moltissimo a calcolare come e quanto cambia un determinato prezzo in un dato lasso di tempo. Per deviazione standard, si intende invece una stima della variabilità di alcuni dati, oppure di una variabile di tipo casuale.

Per capire quindi in maniera chiara le bande di Bollinger, è necessario capire che cosa sia la deviazione standard, che rappresenta la volatilità e il suo valore atteso. Più si è quindi vicini al valore atteso, e più i risultati saranno soddisfacenti. La deviazione standard, come abbiamo già affermato, è un modo per esprimere come si disperdono i dati rispetto ad un dato prezzo, e come il suo valore atteso potrà essere in futuro. Meno deviazione quindi, e più precisione.

Bande di Bollinger: un indicatore tecnico molto valido

Tutti questi concetti, vengono espressi molto semplicemente nell’indicatore delle Bande di Bollinger. Per calcolare in maniera semplice le Bande di Bollinger, viene solitamente utilizzata una media mobile a G giorni (che spesso è a 20 giorni nelle impostazioni standard dell’indicatore), e dove viene solitamente aggiunto oppure sottratto la decisione standard (moltiplicata per un fattore F, il moltiplicatore). Ecco come le Bande di Bollinger vengono visualizzate nel Webtrader di Plus500:


E questo è il modo in cui vengono rappresentate su grafico (sono le tre linee rosse):

 

Formula bande di bollinger

<è> Ecco la formula bande di Bollinger. Queste tre bande rosse rappresentano essenzialmente questi tre valori:

  • Una media mobile a N periodi (in questo caso venti)
  • Una banda superiore, che è K volte il periodo N della deviazione standard al di sopra della media mobile (MA + Kσ)
  • Una banda inferiore, che è K volte il periodo N della deviazione standard al di sotto della media mobile (MA + Kσ)

Solitamente, i valori tipici per N e K sono 20 e 2, rispettivamente. La scelta base per la media è una media mobile semplice, ma possono esistere anche altre tipologie di medie mobili. Le medie mobile esponenziali possono anche essere utilizzate. Lo scopo principale della Bande di Bollinger, è quello di fornire una definizione relativa di “Massimo e Minimo”. Per definizione, i prezzi si trovano in alto vicino alla banda superiore, e in basso quando sono nella banda inferiore. Questa definizione, serve per capire come utilizzare questo indicatore, che può essere utilizzato per decisione di trading sistematiche.

Interpretazione delle Bande di Bollinger

Lo scopo principale delle Bande di Bollinger, è quindi ovviamente quello di far guadagnare il trader grazie a dei segnali di trading validi. Ma come si interpretano le bande di bollinger, in modo da trasformare questi segnali in vera e propria operatività su mercato?

L’utilizzo delle Bande di Bollinger è molto comune tra i trader, tuttavia molti le utilizzano in maniera differente, e in varie situazioni. Molti trader comprano quando il prezzo tocca la parte inferiore delle Bande di Bollinger, e poi escono, chiudendo la posizione, quando il prezzo tocca la media mobile, che sta al centro delle due bande. Altri trader invece, preferiscono comprare quando il prezzo effettua una rottura al di sopra della banda di bollinger superiore, oppure vendere quando il prezzo cade al di sotto della banda di bollinger inferiore.

Bande di bollinger trading

Le bande di Bollinger trading, possono essere utilizzate in svariati mercati:

  • Azioni
  • Forex
  • Indici
  • Materie Prime
  • Bitcoin
  • E molto altro ancora

Quando sia la banda inferiore, che quella superiore, si avvicinano, significa che il mercato sottostante sta attraversando un periodo di bassa volatilità. E inoltre, quando invece le due bande di bollinger si espandono, questo significa che c’è un incremento della volatilità, in quanto la price action è in aumento. Quando invece le due bande procedono parallelamente per un periodo di tempo abbastanza esteso, il prezzo generalmente oscillerà nelle due bande, come se fosse in un vero e proprio canale.

Inoltre, le Bande di Bollinger, vengono solitamente utilizzate con altri indicatori per confermare i segnali di price action. In particolar modo, un oscillatore come le Bande di Bollinger, verrà solitamente utilizzato “in tandem” con un indicatore tecnico diverso dagli oscillatori, come i pattern su grafico oppure le trendline. Se dunque questi indicatori possono confermare i segnali delle bande di Bollinger, il trader potrà entrare a mercato con maggiore convinzione, sapendo che sta facendo la cosa giusta e che la sua trade si trasformerà in guadagno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *